martedì 28 aprile 2009

Salsina Agrodolce alla Barbabietola

Avete presente i Nachos in Salsa piccante??? Gli amanti della cucina messicana non potranno sputarmi in un occhio solo per merito del monitor…:DDD
Tranquilli lo so anch’io che non c’entra nulla… questa salsa infatti nasce dalla voglia di creare un sapore agrodolce per nutrire il fegato, e per caso ho scoperto che è divina sulle gallette di mais. Quindi in caso di un aperitivo con amici io avrò una salsina dove tuffare le mie personalissime “patatine” ;)
Io la vedo perfetta anche per condire insalate di pasta o per accompagnare verdure sbollentate. Un'altra cosa interessante di questa salsa è il fatto che è totalmente priva di olio, quindi può anche sostituire un patè con lo stesso gusto e con una buona cremosità.



Barbabietola rossa 400 gr
Tre cucciai di acidulato di riso
Un cucchiaino di senape di buona qualità
Un cucchiaio di miso bianco
Un po’ santoreggia
Acqua calda q.b.

Mettete a bollire mezzo bicchiere d’acqua. In una ciotolina sciogliete il miso bianco nell’acqua calda e coprite con un piattino in modo che il calore attivi i fermenti. Lasciate riposare qualche minuto.
Tagliate a pezzettoni le rape e adagiatele nella brocca di un frullatore, aggiungete senape, l’acidulato di riso, la santoreggia e infine il miso bianco.
Frullate e aggiungete poca acqua fino a raggiungere la consistenza desiderata.
Dovrebbe risultare un agrodolce leggermente piccante. Tuffateci dentro le gallete ;)

10 commenti:

spighetta ha detto...

Che bel colore!!! Come aperitivo è veramente bello da vedere e credo buono da mangiare!!! Io di solito sono abituata ad usare le barbabietole crude perchè mi sembrano meno dolci...Chissà se la salsa viene bene ugualmente... Proverò ;)

Arame ha detto...

Spighetta,
darei comunque una sbollentata alle barbabietole, basterebbero anche 2 o 3 minuti, il tempo sufficiente per cambiarle nell'energia senza perdere di vitamine.

spighetta ha detto...

Certamente la bollirò magari in poca acqua almeno per riuscire ad ammorbidirla e frullarla!!! Quella che usi te è già cotta, Giusto?

Monica ha detto...

Non centra la barbabietola come non centrano le polpette, ma volevo dire che la maternità è il dono più bello che Dio ci ha fatto.Non esistono calcoli per programmare i filgi, ma se il cuore ne sente il bisogno allora si è giunto il momento. Non lasciarti sfuggire la possibilità di questa felicità, perchè all'improvviso diventerai forte organizzata, tenace, paziente, attenta, riflessiva, pespicace....è un dono!
La mia vita non avrebbe significato senza i miei tre regali!

Alysia ha detto...

Fantastica salsetta:)Incredibile come con una ricetta un'inquadratura tu sia riuscita a rendere divina una semplice galletta di mais ( che tra l'altro io adoro...)!!

Alysia

Arame ha detto...

Alysia,
grazie :)
Le gallette di mais oltre ad essere prodotti possono contenere olio, il segreto è non abusarne, altrimenti il pancreas ne risente.
Sono molto buone però!
:)

Alysia ha detto...

Grazie, Arame, per l'informazione!cerco sempre di fare attenzione a limitare i prodotti da forno grazie ai tuoi consigli :)e in punta di piedi sto avvicinandomi alla macrobiotica.. vorrei risolvere qualche problema di salute e poi è una filosofia talmente affascinante!!

Magie Vegan ha detto...

ciao arame, ti ho scritto una mail...per caso l'hai ricevuta? Grazie! =) Magie

tippitappi ha detto...

bellissimi colori e bellissima idea per un dip :))) grazie, copierò presto. Ma le patatine sono le gallette?

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie