giovedì 23 ottobre 2008

La luna di miele

Vi siete mai chiesti perché si dice “luna di miele”??? Io si, ma non ho mai avuto una risposta soddisfacente, quindi non vi svelerò il mistero ;PPP, ma vi dirò semplicemente che io approvo in pieno questa definizione.
Mi è sembrato davvero di essere su un altro pianeta, e che questo pianeta fosse dolcissimo.


L’Egitto è stata una meta perfetta perché volevamo imparare e coccolarci allo stesso tempo. In più abbiamo ricevuto il dono inaspettato di conoscenze squisite e di compagnie piacevolissime.


Il cibo non è stato un problema, tutti i pasti erano a buffet e prevedevano sempre riso, verdure e spesso zuppe.
Non mi sono fatta problemi ad assaggiare cose che nella mia quotidianità non mangerei. L’obiettivo era quello di divertirmi e stare bene, le umeboshi e il miso mi hanno aiutato ad equilibrare e a proteggere il mio pancino da qualsiasi maledizione ;DDD

Mando un bacio virtuale a tutto il bus 11 e a Monty con cui abbiamo conosciuto il Cairo e solcato il Nilo.
Un mega abbraccio lo dedico con tanto affetto anche alle splendide coppie con cui abbiamo avuto l’onore di trascorrere una settimana in mar rosso, alla ricerca del pesce palla, e del dugongo ;DDD

5 commenti:

Anonimo ha detto...

bellissimo foto stupende

clamilla ha detto...

Fantastico!!!
ma quel pesce che voleva dire? Guarda che espressione che ha!!!
Buon fine settimana
Marty

Anonimo ha detto...

@ clamilla
quel pesce (il nostro amico pesce palla) guardava con interesse gli intrusi, aspettando il momento buono per venire a richiedere la sua dose di briciole di pane.
E' l'espressione dell'affamato diffidente :)
Criticissimo

Vera ha detto...

Bentornata! :)

Arame ha detto...

Anonimo,
grazie ;)

Marty,
quel pesce palla mi stava studiando... aveva preso la mia mano per un panino e ha anche tentato di morderla... temo ci sia rimasto malissimo ;P

Vera,
grazie tesoro! :***