giovedì 21 febbraio 2008

Zuppa di Cipolla con Brodo di Azuki e Kombu

Cucina macrobiotica sperimentale per cercare di sfruttare al massimo le caratteristiche degli alimenti e il preziosissimo tempo. Quest’ultimo fattore ultimamente mi scivola tra le dita senza che me renda conto, quindi devo riuscire a sfruttare al massimo i momenti in cui sono in casa per non rischiare di trovarmi affamata e senza cibo (mi sembra di essere il Criticissimo ;P).
E’ vero che questo piatto richiede molto tempo di cottura, ma sono momenti in cui ci si può dedicare a tutt’altro visto che non necessita di una costante attenzione. Inoltre le due cotture possono essere fatte anche in momenti, se non in due giorni, diversi.
Il brodo di azuki è specifico per rinforzare i reni e la kombu aiuta a sciogliere i grassi che si sedimentano in profondità. Assieme danno vita a un toccasana globale per il corpo, specifico per alcune problematiche legate agli accumuli.



Una tazzina da caffé di azuki ammollato almeno 6 ore
4 tazze d’acqua
3 cm di alga kombu
Una cipolla grande
Un cucchiaino di miso a persona
1/4 cucchiaio di succo di zenzero a persona

Cuocere i fagiolini assieme alla kombu in pentola a pressione in più acqua rispetto al solito: circa 4 tazze per una tazzina da caffé di legumi. Dopo approssimativamente quaranta minuti di cottura i fagiolini saranno tenerissimi, quindi potrete filtrare il brodo e mettere da parte gli azuki. Questi, una volta insaporiti con sale o tamari, saranno squisiti mangiati da soli o come accompagnamento di cereali o verdura.
Riportate a bollore il brodo in una pentola di acciaio con coperchio, aggiungete la cipolla tagliata finemente e lasciate cuocere chiuso finché la cipolla non sarà tenerissima, il che potrebbe richiedere anche un’ora e mezza. Prima di spegnere il fuoco sciogliere il miso in un bicchiere di liquido caldo e incorporarlo al brodo. Non lasciare bollire il miso, ma inserirlo a caldo è fondamentale per attivare i fermenti.
Guarnire i piatti con il succo di zenzero e servite la zuppa bollente. E’ una portata perfetta come piatto d’entrara.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao Arame!Questa fa proprio al caso mio..Senti ma, conosci Halsey de La sana Gola?
Saretta

Arame ha detto...

Ciao Saretta,
conosco Martin Halsey, sto frequentando il corso per il diploma da Terapista Alimentare.

Però la macrobiotica originale è un po' diversa...

Ali ha detto...

Che dici se gli azuki li metto a cuocere in una pentola normale, come faccio normalmente con gli altri legumi...? O mi fai comprare la pentola a pressione :)?!! In effetti in casa l'avrei anche ma manca il pezzo fondamentale, il coperchio :) svanito non so dove...

Arame ha detto...

Ali,
la pentola normale va benissimo, ovviamente si allungheranno un po' i tempi di cottura ;)
La cottura a pressione è maggiormente contraente quindi è indicata per l'inverno.
Secondo me è uno strumento fondamentale per alcune ricette, ma non per questa :*

Anonimo ha detto...

In che senso cara "è un po' diversa"?Forse lui la semplifica?

Arame ha detto...

Anonimo, forse Saretta, ;)
in realtà non la semplifica, ma l'arricchisce in diversi aspetti, e quindi la complica. Io sono a metà del corso, quindi non posso ancora avere un'idea obiettiva e totalitaria della scuola di Martin.
Potrei andare aventi pagine e pagine spiegandoti quello che penso, ma la cosa migliore è provare su di se. Io sto provando a mettere a confronto come mi sento dopo un periodo di alimentazione stile "LSG" e un periodo di alimentazione stile "Cuisine et Santè". Non a tutti faranno il medesimo effetto probabilmente, ma alla fine sarà possibile evidenziare per ognuno lo stile alimentare migliore.

Se vuoi sapere qualcosa di più scrivimi ;)

Ali ha detto...

Grazie, prima o poi troverò un posticino anche per una nuova pentola :)
A presto

yari ha detto...

Non conoscevo queste ulteriori virtù dell'alga kombu...

Arame ha detto...

Yari,
che bello imparare qualcosa di nuovo ;D

mauromauri ha detto...

arame, poi ti sei nmessa in contato con catetina faenza?
Ho perso la sua mail. me la puoi girare?

grazie
percar13@libero.it