giovedì 24 maggio 2007

Premessa Necessaria



Che bello questo entusiasmo! Sono molto felice che abbiate voglia di condividere questa esperienza con me :DDD

Forse non ci sarebbe il bisogno di ricordarlo, ma io tengo molto a non far sorgere equivoci e quindi non posso fare a meno di ribadire che io non sono una terapista alimentare, nella vita faccio tutt’altro. Non sono una macrobiotica integralista, ma più che altro una ragazza a cui piace molto parlare di questo modo di alimentarsi, infatti mi interessa studiarla e sperimentarla su di me, e il blog per me non è altro che un mezzo per conoscere gente che ha gli stessi interessi, o anche più semplicemente persone con affini curiosità…(non mi sembra poco)
Questo non vuol dire però che parlare di macrobiotica sia come parlare di musica o cinema. L’alimentazione è una cosa seria! Quindi l’obiettivo è quello di scambiare esperienze, come ho già detto, senza però volermi mai sostituire a nessuno che abbia più competenza in materia.
Lo so che siete persone intelligenti, e probabilmente queste poche righe sono superflue, ma la precisione mi piace, soprattutto quando può fare la differenza ;)

“Ciò che ha un davanti possiede anche un dietro e più grande è il davanti più grande è il dietro”
(George Ohsawa)

Domani si comincia!!!

7 commenti:

inutile donna ha detto...

attendo con trepidanza l'inizio di questo progetto..
>_<

dea ha detto...

a domani, allora! :)

antonella ha detto...

è da poco tempo che ho iniziato ad avvicinarmi all'alimentazione macrobiotica ( non in modo integrale ) mi piace l'idea, mi piace la filosofia, sto bene quando mangio in un certo modo, mi piace parlarne conoscere cose nuove e persone che hanno questo interesse. non ho un blog ma ne seguo tantissimi e ce ne sono di veramente carini ed interessanti come il tuo. sono curiosa di inziare un saluto.........

Arame ha detto...

Donnina, Dea,
Allora cominciamo!

Antonella,
grazie per i complimenti! Sei molto carina!

Io non ricordo più quando ho iniziato, non riesco a dare un periodo. Vedi non è come diventare vegetariani, insomma in quel caso, prendi una decisione e non mangi più determinati alimenti. Essere macrobiotici ha una complissità maggiore, ma anche una responsabilità diversa. E' un'avventura e ne sono attratta sempre più ;)

Ti spiace dirmi queli altri macro-blog segui? Io sono molto curiosa e desiderosa di imparare! Grazie mille!

Logan ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Logan ha detto...

A volte la libertà totale comincia da qualcosa che i più erroneamente definiscono "integralismo";
in realtà è solo... integrale ;-)

Parti stretta,
e godi degli gli immensi spazi che anche in questa situazione troverai.

Lo yang ti avverte subito quando è troppo.
Lo yin, con la sua natura subdola, ti avvertirà sempre in ritardo.
Già al secondo cucchiaino di sale non potresti assumerne altro, ma tre chili di gelato, si è proprio sicuri di non riuscire a mangiarne?

Arame ha detto...

Logan,
nel mio passato c'è una fase della vita in cui sono stata molto rigidida, la macrobiotica mi ha aperto uno spiraglio e mi ha aiutata a trovare flessibilità e gioia, anche nell'errore. Nel mio quotidiano non esistono più doveri a cui devo per forza aderire, ma solo scelte. Quando e se sarò pronta a seguire proporzioni ferree nel mio pasto sarà un innato bisogno di equlibrio ad avermi mossa, non un impegno che prendo razionalmente con me stessa.
Se temessi, anche solo istinivamente di tornare rigida come un tempo, allora sì che mi troverei immersa in una vasca di gelato :P
Apprezzo moltissimo i tuoi consigli e sono sicura che per te è la strada migliore, ma non tutti sono come te ;)
Io evidentemente devo fare un giro più lungo, probabilmente anche più difficile non lo metto in dubbio, ma questa è la strada che mi sento di percorrere.
:DDD