lunedì 14 maggio 2007

Tempeh in Insalata

Oggi è lunedì, ma stranamente sono di ottimo umore… Ho passato un fine settimana stupendo! Il merito è sicuramente di un grande amico che mi è venuto a trovare nella mia città, del girasole meraviglioso che mi ha portato in dono, del sole che mi ha regalalo allegria e una tintarella da paura :) e del Criticissimo Tester con cui ho trascorso pochissimo tempo, ma di qualità eccelsa.
Così propongo una ricettina primaverile e vivace, come mi sento oggi :DDD augurando a tutti un buon inizio settimana ;)



mezza tazza di fave già pulite
1 cespo di radicchio
un panetto Tempeh
un cucchiaio di succo di zenzero
2 cucchiai di tamari
qualche fogliolina di shiso
½ cucchiaino di olio si sesamo
un pizzico di sale
acqua

La prima cosa da fare è precuocere il tempeh, questa operazione la si può fare anche il giorno prima, infatti così trattato questo alimento si conserva in frigorifero tranquillamente anche fino ad una settimana ;) Io comunque, preferisco lasciare il cibo in frigo meno tempo possibile, perché cerco di mangiarlo più vivo in modo che non perda l’energia, quindi cucino per due volte, ma solitamente consumo la seconda porzione entro il giorno dopo.

Prendere una pentola d’acciaio e mettere il tempeh tagliato a quadretti (circa due centimetri per lato) sul fondo di essa, coprire con dell’acqua fino a superare di poco la metà e aggiungere i due cucchiai di tamari, il succo di zenzero e le foglie di shiso, portare a bollore e cuocere per un quarto d’ora. Terminato il tempo girare i quadretti e proseguire la cottura per altri 5 minuti.
A termine di questi l’acqua dovrebbe essere totalmente asciugata.
Nel frattempo mettere un pentolino pieno d’acqua sul fuoco e portare a bollore, dopo di ché, salare, sbollentare le fave per non più di tre minuti, e metterle da parte. Il tempo è importante perché questo piatto vuole fare allegria quindi i colori devono essere intensi e vivaci.
Tagliare il radicchio finemente e scottarlo per un minuto in una padella riscaldata e unta con un pennello imbevuto nell’olio di sesamo. Aggiungere il tempeh e le fave e saltare ancora qualche istante. Servire caldo e accingere, se si vuole, qualche grano di gomasio ;)

Considerazioni Macro
I derivati della soia sono ottime fonti di proteine, ma comunque vanno consumati saltuariamente, è preferibile un cucchiaio di legumi tutti i giorni, per avere una alimentazione più equilibrata, e più sana ;)

4 commenti:

Vale ha detto...

radicchio fave e tempeh... non è amarissimo? cmnq io adoro i sapori amarognoli quindi proverò con piacere questa ricetta... baci

Yari ha detto...

Buono il tempeh, anche se ricordo la prima volta che l'ho assaggiato... ho imparato ad apprezzarlo col tempo ;-) Solo un cucchiaio di legumi?? Ne mangio molti di più ;-))

miss piperita ha detto...

Quant'è buonooooooo!

Arame ha detto...

Vale,
a me non è parso troppo amaro, anzi me lo sono goduto un sacco... fammi sapere cosa ne pensi una volta che l'hai provato ;)

Yari,
lo so!!! Il tempeh fa così, ci si innamora con il tempo... a me è piaciuto subito, ma alla scuola di cucina mi sono resa conto che non è così per tutti.
Per quanto riguarda i legumi io faccio il contrario di te... faccio un immensa fatica a mangiarli quotidianamente, ma devo migliorare :)

Miss Piperita,
:D anche per me!!! :D